Ieri i The Rasmus si sono esibiti all’Elämä Lapselle con il loro nuovo singolo “Livin’ In A World Without You”, Qui potete vedere l’esibizione.
Invece qui potete vedere una video intervista a Lauri all’Hartwall Areena (Helsinki), ecco la traduzione:
 
Intervistatore: Lauri dei The Rasmus, com’è cominciato il tuo autunno?
Lauri: E’ cominciato bene, abbiamo una tabella di marcia fitta. Sono appena tornato da Madrid. Ho fatto 19 interviste di fila, un piano di lavoro molto pieno. Siamo qui però stasera. E’ la terza volta che veniamo, all’Elämä Lapselle per una buona causa. Sì!
 
Intervistatore: Mi devo anche congratulare con il nuovo papà! Come ti senti riguardo la paternità?
Lauri: Mi sento benissimo! Man mano sto andando sotto pressione per via che sono molto impegnato e sapevo che sarebbe successo. Il bambino è nato in Aprile ed abbiamo un paio di mesi da passare insieme. E’… davvero meraviglioso.
 
Intervistatore: Il vostro nuovo album sta per uscire. Come vedi la situazione per l’album? Pensi sia il migliore?
Lauri: E’ il migliore, naturalmente. Il nuovo album è una sorta di raccolta delle parti migliori dei The Rasmus. Abbiamo riflettuto molto tempo prima di iniziare a registrare qualcosa. Abbiamo ascoltato.. sono andato a comprare io stesso quei vecchi album e li abbiamo analizzati ed ascoltati, abbiamo apprezzato, pianto e riso. Tutte quelle canzoni pazze, in qualche modo volevamo assolutamente riavvicinarci a quel modo di lavorare che avevamo agli inizi. E secondo la mia opinione lo abbiamo trovato di nuovo. Ad un certo punto eravamo diventati un po’ troppo seri. La vita era diventata dura ed abbiamo preso tutto troppo seriamente. E questo ti consuma. Mi sento come se avessi avuto 5 anni in più in un solo anno dall’album precedente, ma ora abbiamo ritrovato la felicità ed una sensazione di libertà.
 
Intervistatore: State per andare di nuovo in Tour. Come fanno tour e famiglia ad adattarsi?
Lauri: Vedremo. Queste due cose in genere non funzionano molto bene insieme. Ho pensato che quando sarò in tour sarò là al 100% e poi corro a casa a giocare con mio figlio. Allora sarò lì al 100%. Se riesco a farlo, credo sia possibile.