Ieri Lauri e Aki sono stati intervistati durante gli Emma Gaala e ora è possibile vedere online l’intervista andando sul sito del canale Yle, precisamente a questa pagina.

Qui di seguito potete leggere la traduzione dell’intervista completa:
Intervistatore #1: Pian piano ci avviciniamo a due ragazzi dei The Rasmus per un’intervista. Benvenuti Aki e Lauri!
Lauri: Hey!
Aki: Ciao ciao ciao ciao ciao!

Intervistatore #1: Come sono stati gli Emma di quest’anno?
Lauri: È stato fantastico. Abbiamo appena dato il premio per la miglior canzone ed è andato alla persona giusta. Ero sicuro che sarebbe andato ad Amaranth dei Nightwish che è una canzone favolosa, ma ha vinto Jenni Vartiainen. È una bella canzone, l’ho sentita un sacco in macchina, è molto toccante.

Intervistatore #1: Quindi quel cd è spesso nel tuo player?
Lauri: È la vostra stazione radio che ascoltavo. Sono un vero leccaculo in questo momento.
Intervistatore #1: Grazie per questo!
Intervistatore #2: Il lecchinaggio è il meglio!
Lauri: Giusto!

Intervistatore #2: Non fisicamente, ma non ci addentriamo…i The Rasmus sono stati in silenzio riguardo nuove uscite e cose così, ma apparentemente pubblicherete un nuovo album quest’anno?
Aki: Sì, è esatto. Abbiamo deciso di posticipare l’uscita verso l’autunno così abbiamo più tempo per lavorarci. Le nuove canzoni arrivano di continuo e i ragazzi sono stati molto creativi. Abbiamo deciso di registrare una o due canzoni in primavera e…
Lauri: E parlando dei Nightwish! C’è una canzone vecchia, molto vecchia, di 8 anni fa che io e Pauli abbiamo scritto nella cantina della casa dei suoi genitori. Una canzone molto bella e toccante che può anche essere cantata a duetto. Ed è stato così che è arrivata l’idea di Anette Olzon. Le ho chiesto se voleva fare un duetto con me ed era molto entusiasta della cosa. Viene fuori che un paio di anni fa lei cantava le nostre canzoni in una cover band! Non sarebbe mai successo se avessimo affrettato l’uscita dell’album ad inizio anno. Vale la pena aspettare a volte.

Intervistatore #1: Un sacco di persone piene di talento hanno preso parte al vostro album. Ce ne nominate alcuni?
Lauri: L’unico nome che posso fare è Desmond Child, che è davvero una leggenda degli anni 80. Ha scritto canzoni per i Kiss, Bon Jovi, Alice Cooper. Molte di queste canzoni mi hanno toccato quando ero più piccolo e ancora lo fanno. Desmond, che è un grande sostenitore dei The Rasmus ci ha contattati ed ecco come tutto è cominciato. L’album è quasi completo, dobbiamo solo fare un paio di registrazioni settimana prossima e sarà pronto.

Intervistatore #1: Com’è stato lavorare con Desmond Child? È una vera leggenda!
Lauri: Sa chi è e cosa vuole e come ottenerlo. Desmond è esattamente come un vero produttore dovrebbe essere. Prende in mano la situazione quando la band si lascia andare. Anche se abbiamo già avuto tante esperienze è stato fantastico vedere come le cose sono fatte in America. È forse la cosa più bella che mi è capitata negli ultimi 5 anni.
Aki: Un’altra persona grandiosa con cui abbiamo avuto la possibilità di lavorare è Michael Wagner. È nato in Germania e l’ha lasciata negli anni 80 per l’America con una band che si chiamava Dokken. Era con noi per registrare la batteria e mixare l’album, che è stato incredibile. Sedeva fra James Hetfield e Lars Ulrich nello studio ascoltandoli litigare! È stato fantastico lavorare con il gentiluomo.

Intervistatore #2: Il materiale del nuovo album è particolarmente diverso dalle vecchie canzoni?
Aki: Diciamo solo che ci saranno le care e vecchie melodie firmate The Rasmus. Anche un pizzico degli anni 80 e 90.
Lauri: Un pizzico?
Aki: Sorpresa, sorpresa! Abbiamo registrato l’album in diversi paesi. Molte ispirazioni dalla Finlandia, Svezia, Germania, America, Singapore…
Lauri: Grecia!
Aki: Grecia, sì. Spero che anche qualcun’altro le avverta.

Intervistatore #2: Sembra che sia di grande ispirazione viaggiare di tanto in tanto.
Aki: Sicuramente. Anche il fatto di avere un nuovo produttore ci ha dato nuova energia anche se avevamo un team incredibile in Svezia. Un “nuovo”, beh sì molto nuovo, diciamo “fresco” produttore sapeva come trovare le cose migliori nella band. Lui (Desmond) ha molta esperienza e noi gli abbiamo solo detto le nostre idee e lui sapeva come fargli prendere forma.

Intervistatore #1: L’album conterrà una canzone intitolata Poison?
Lauri: Quella parola potrebbe essere pronunciata lì!

Intervistatore #1: Quindi è una sorta di tributo, giusto?
Lauri: In qualche modo, sì. Ma lui (Desmond) è molto rigido sul fatto che se ha scritto una canzone con una certa parola dice “No, non possiamo farlo!” e allora io dico “Ma noi non abbiamo mai fatto una cosa del genere, facciamolo lo stesso!”
Aki: Per esempio la parola “Hell”. È stata usata molto da Meat Loaf (Aki dice Meat Loaf in finlandese, Lihamureke). Anche noi abbiamo immagazzinato molta più esperienza dopo la produzione di questo album.
Lauri: Assolutamente.

Intervistatore #1: Grazie per questa intervista e buona fortuna nel futuro per i The Rasmus.
Lauri & Aki: Grazie!