Segui il The Rasmus Hellofasite su:

The Rasmus Live 2012 / Volume II

39 concerti, 16 paesi, migliaia di chilometri, infinite ore in coda, 112 minuti di puri The Rasmus in tour.
Non perdetevi il nuovo DVD, è un'edizione limitata!

Biografia

L’inizio: Teja G. Records e “Peep”

Il 1994 fu l’anno della nascita del gruppo, come band scolastica.
Il loro primo concerto infatti si tenne a dicembre dello stesso anno nella scuola che frequentavano.
Il nome all’epoca era completamente diverso da quello attuale, infatti si chiamavano Sputnik, nome cambiato quasi subito in Anttila, per poi variare nuovamente verso quello che poi sarebbe stato quello più vicino all’attuale, ovvero Rasmus, scelto per una assonanza con la parola “trashmosh” (spazzatura) e perché secondo loro ha un suono tipicamente scandinavo.
Ne facevano parte: Lauri Ylönen (voce), Pauli Rantasalmi (chitarra), Eero Heinonen (basso) e Janne Heiskanen (percussioni).

Nel 1995, mentre suonavano in un locale vennero notati da Teja Kotilainen, che divenne il loro manager. Con la sua etichetta discografica, la Teja G. Records nel dicembre dello stesso anno pubblicarono “1st”, il loro primo singolo che attirò l’attenzione della Warner, con la quale firmarono nel febbraio del 1996.

A maggio dello stesso anno venne pubblicato il loro primo album “Peep”, che divenne presto disco d’oro. Ad esso fecero seguito parecchie partecipazioni a festival, in patria ma anche in Russia ed Estonia, fino a superare le 100 date nel giro di un anno.

Il secondo album: “Playboys” ed il primo Emma

Poco dopo il gruppo tornò in studio per registrare il loro secondo album, “Playboys” e venne pubblicato il singolo “Kola”, primo estratto dall’album.
A fine agosto del 1997 uscì l’album, seguito a breve dal secondo singolo “Blue”, entrambi dischi d’oro.

Quell’anno fecero un centinaio di concerti e festival e furono il gruppo spalla dei Rancid e dei Dog Eat Dog.

Il loro successo si andò sempre più consolidando e arrivò il momento del loro primo Emma (il Grammy Award finlandese), che vinsero come miglior gruppo emergente dell’anno 1996.

“Liquid” canzone dell’anno e rilascio di “Hellofatester”

Successo dopo successo nel settembre del 1998 venne pubblicato “Liquid”, singolo che entrò nelle classifiche di MTV e a dicembre venne eletta come miglior canzone dell’anno. L’album “Hellofatester” uscì a novembre.

Un nuovo batterista, una nuova casa discografica ed un nuovo nome

Agli inizi del 1999 il batterista Janne decise di lasciare il gruppo per ritirarsi in meditazione in India, dove rimase per qualche anno; una volta tornato fondò i Lovestone.
Nella band nel frattempo venne sostituito da Aki Hakala, che già si occupava della vendita del loro merchandise.

Ad agosto arrivò un altro premio per “Liquid”, al Music Video Festival finlandese.
Il 1999 li vide impegnati in più di 80 concerti, alcuni dei quali come supporters di gruppi come Garbage e Red Hot Chili Peppers.

Ad aprile del 2000 firmarono il contratto con la Playground Music Scandinavia e cambiarono il nome da Rasmus a The Rasmus, per evitare l’omonimia con un dj svedese.

“Into” ed il primo successo europeo

A maggio del 2000 entrarono negli studi della Playground a Stoccolma per registrare il nuovo album, “Into”.
Il primo singolo estratto da esso, fu “F-f-f-falling” che fu numero uno in classifica per molto tempo e diventò anch’esso disco d’oro.
Into venne pubblicato a marzo del 2001 in Finlandia e due mesi dopo in Danimarca.
Arrivò al numero uno delle classifiche finlandesi e ad esso seguì un tour in Scandinavia e Danimarca, che comprendeva tutti i festival finlandesi e parecchie apparizioni TV.
Successivamente venne pubblicato il singolo “Chill”, che balzò direttamente al secondo posto delle classifiche di vendita. Il loro successo superò man mano i confini scandinavi e l’album venne pubblicato in molti stati europei.

A fine anno fecero da gruppo spalla agli HIM e Roxette e agli inizi del 2002 vinsero agli Emma con “F-f-f-falling” come miglior canzone, con “Into” come miglior album dell’anno e come miglior gruppo.
A marzo venne pubblicato il singolo “Heartbreaker” che entrò in classifica direttamente al secondo posto e balzò al primo nel giro di una settimana.

“Dead Letters” e la conquista dell’Europa

A giugno entrarono nuovamente negli studi di Stoccolma per registrare il nuovo album, “Dead Letters” e a luglio venne pubblicata “Hellofacollection”, una raccolta di successi.
La registrazione dell’album terminò a dicembre dello stesso anno, e il 10 gennaio 2003 venne pubblicato in Finlandia il primo singolo da esso estratto, “In The Shadows”, che entrò direttamente alla numero 1 della classifica finlandese dei singoli e ci rimase anche per la settimana seguente.
La canzone entrò a anche a far parte della colonna sonora di un film finlandese, “Pahat Pojat” e il mese successivo uscì l’album “Dead Letters”, che in Finlandia ottenne l’oro con la sola prevendita. Era stato preordinato in più di 25.000 copie.

Il titolo, come illustrato da una frase sul retro dell’album e come detto ripetutamente da loro nelle interviste, descrive il contenuto dell’album, ovvero delle lettere morte, scritte ma mai giunte al destinatario, contenenti richieste d’aiuto, confessioni, scuse.

Sia l’album che il singolo scalarono dapprima le classifiche scandinave e successivamente quelle europee, fino a vendere più di 1 milione di copie nel mondo.
Seguirono la pubblicazione di “In My Life” ad agosto e quella di “First Day Of My Life” a ottobre.
A novembre vinsero agli MTV Europe Music Awards come Best Nordic Act, mentre all’album seguì un tour promozionale, comprensivo di festivals e apparizioni TV, che durò due anni.

Nel frattempo vinsero premi su premi: agli Emma Gaala, nel febbraio del 2004, vinsero in tutte e 5 le categorie per cui erano stati nominati, ovvero miglior gruppo, miglior album, miglior video (“In My Life”), miglior artista e Export Emma.
A fine febbraio venne pubblicato il nuovo singolo, “Funeral Song”, mentre ad aprile arrivò un altro premio, quello conseguito agli olandesi TMF Awards, categoria: Best Rock.

A luglio, sull’onda del successo di “Dead Letters”, che ormai aveva raggiunto il milione di copie vendute, il precedente album, “Into”, venne pubblicato anche nei paesi in cui a suo tempo non lo era stato.
Il loro successo si espanse anche verso i paesi asiatici, dove a fine luglio il gruppo si diresse per promuovere “Dead Letters”, che vi fu pubblicato nello stesso periodo.
Ad agosto uscì l’ultimo singolo estratto da “Dead Letters”, “Guilty”.

Il tour promozionale intanto continuava, tra concerti in gran parte sold out, festivals, apparizioni televisive e premiazioni; l’unica nota negativa del periodo fu ciò che accadde il 29 agosto al Reading Festival, quando furono costretti a lasciare il palco a causa del lancio di oggetti da parte del pubblico.
L’autunno però portò loro moltissimi premi e soddisfazioni, dalla Russia, dall’America Latina, dagli Stati Uniti, dalla Scandinavia e dall’Asia.

A novembre uscì “Bittersweet”, singolo degli Apocalyptica al quale Lauri Ylönen collaborò insieme a Ville Valo degli HIM.

Nello stesso mese venne pubblicato il loro primo DVD, “Live Letters”, che contiene il concerto tenutosi al Gampel Open Air, Svizzera, il 21 agosto di quell’anno, videoclips, making of e contenuti extra.

Il 17 gennaio 2005 parteciparono, insieme a HIM, Apocalyptica, Negative e The 69 Eyes ad un concerto di beneficenza tenutosi all’Hartwall Areena di Helsinki, i proventi del quale vennero devoluti all’Asia.

Arrivarono altri premi dalla Finlandia, quello come Best Up North Act assegnato loro dall’MTV nordica e quello come Best Nordic Act assegnato loro dalla radio finlandese NRJ.
Subito partirono per il tour in Giappone e al loro ritorno ritirarono due premi assegnati loro per il video di “Funeral Song”, uno agli Emma Gaala come MTV’s Emma Gaala Award For Best Video, l’altro ai Finnish Muuvi Video Awards, dove si aggiudicarono il secondo premio.

“Hide From The Sun” e la Dynasty Recordings

A marzo tornarono negli studi della Playground per lavorare al nuovo album, “Hide From The Sun”.
In aprile venne pubblicato un altro singolo degli Apocalyptica al quale Lauri collaborò, scrivendone pure il testo: “Life Burns!”.

Nel frattempo la registrazione del nuovo album terminava e Hide From The Sun era pronto a irrompere nei negozi; il primo singolo estratto da esso fu “No Fear” ed uscì a fine agosto, seguito, due settimane dopo dall’album stesso.
Il tour promozionale ebbe inizio, comprendendo anche India, Sudafrica, Russia e Grecia.
Il secondo estratto da “Hide From The Sun” fu “Sail Away”, che uscì a fine ottobre; pochi giorni dopo si aggiudicarono il premio per la categoria Best Finnish Act agli MTV Music Awards Gala a Lisbona.

Nel frattempo Lauri e Pauli aprirono la loro casa discografica e studio a Helsinki, la Dynasty Recordings e il gruppo si poté trovare anche su myspace, sulla loro pagina ufficiale.
Si susseguirono date in Giappone, una data richiestissima in Germania e alcune in Sudamerica.
Nel febbraio 2006 iniziarono le riprese per il video del nuovo singolo, “Shot”, uscito poi ad aprile, che vennero interrotte e rimandate di circa una decina di giorni, a causa di una fortissima tempesta di sabbia.

Nello stesso periodo il gruppo assieme agli HIM e i Negative intraprese un tour insieme che toccò alcune città tedesche, autriache e svizzere.

Il 9 di aprile la finlandese Yle tv mandò in onda il primo documentario sui The Rasmus.

Le tappe del tour 2006 toccarono nazioni nuove e già visitate.
I ragazzi durante una piccola pausa trovarono anche il tempo di incidere una cover degli ABBA “S.O.S”, per una compilation tedesca “Come Together – a tribute to BRAVO”.

Le ultime date del tour furono dedicate a Brasile e America, dove terminarono con la data del 21 Novembre a New York con un concerto riservato a soli invitati, fortunati vincitori di un concorso.

Il nuovo album, “Black Roses”

Terminato il tour a fine 2006 il gruppo si è preso un periodo di pausa per poi mettersi al lavoro sul nuovo album, e trovando anche il tempo di fare un mini tour in Russia e partecipare a qualche festival estivo europeo nell’estate del 2007.

A settembre 2007 iniziarono a trapelare alcune informazioni sul nuovo album, il titolo, “Black Roses”, l’uscita, marzo 2008 e il team con cui lavorerà il gruppo per la sua realizzazione: il famoso Desmond Child ed Harry Sommerdahl per la produzione, mentre Michael Wagener si occuperà del mix.
Le registrazioni di Black Roses sono iniziate il 17 settembre agli studi della Dynasty Recordings, a Helsinki e poi sono proseguite, quasi un mese dopo, a Nashville, nel WireWorld Studio, lo studio di registrazione di Michael Wagener, dove passeranno gli ultimi mesi del 2007.

Verso fine gennaio 2008 iniziò a girare la news che voleva il 26 marzo come data di uscita di Black Roses, notizia che è stata smentita un paio di giorni dopo da un messaggio di Lauri sul MySpace ufficiale del gruppo, dove annunciava che purtroppo l’album non era ancora pronto e quindi il suo rilascio era rimandato a dopo l’estate.

In seguito a questo messaggio non ci sono state più notizie del gruppo fino all’inizio di marzo, quando Lauri ed Aki, invitati alla manifestazione degli Emma Gaala per consegnare un premio, hanno rivelato che nel nuovo album sarà contenuto anche un duetto con la cantante dei Nightwish, Anette Olzon. La canzone in questione è una murder ballad e, nonostante la grande promozione e attesa, è stato poi deciso di non includerla nell’album perché non si adattava bene con le altre canzoni.

Durante l’estate il gruppo ha partecipato a qualche festival in Europa, tra cui l’NRJ in the Park in Germania, dove hanno presentato in anteprima due canzoni del nuovo album, “Ten Black Roses” e “Livin’ In A World Without You”, quest’ultima che poi sarà scelta come primo singolo estratto.
In alcune interviste effettuate durante questi festival, il gruppo ha confermato che l’uscita dell’album è prevista per settembre, e appunto il 14 luglio nella versione online del giornale finlandese Ilta Sanomat è stato pubblicato un articolo su Black Roses, poi ripreso da numerose testate giornalistiche finlandesi, che includeva anche la tracklist e le date di uscita: 24 settembre per la Finlandia e due giorni dopo per il resto del mondo (3 di ottobre per l’Italia) e 10 e 12 settembre per l’uscita del singolo Livin’ In A World Without You (date rispettivamente per il mercato finlandese e per l’uscita internazionale). Queste notizie sono state poi confermate il giorno seguente da un comunicato ufficiale della Playground Music Scandinavia.

La premiere del video musicale girato per Livin’ In A World Without You è stata trasmessa sulla nuova Community del sito ufficiale del gruppo il 15 agosto.
Dalla fine di agosto fino all’uscita dell’album il gruppo è stato occupato con la sua promozione, prima visitando la Germania dove hanno suonato anche dei piccoli concerti acustici e dove hanno presentato tre canzoni nuove: “Justify”, “Ghost Of Love” e “Live Forever”; poi la promozione è continuata in altri paesi europei come l’Italia e la Spagna dove però era presente solo Lauri.
Il 5 di settembre si è svolta ad Helsinki la festa per presentazione dell’album, durante la quale si è potuto ascoltare in anteprima l’album ed è stato trasmesso il documentario del making dell’album girato interamente da Eero nei mesi di registrazione del nuovo cd e che sarà poi incluso nell’edizione fan di Black Roses.

L’album è stato accolto positivamente dai critici musicali, anche da chi un tempo non riconosceva il talento del gruppo finlandese, ed alla prima settimana di uscita è balzato alla numero uno della classifica finlandese (conquistando il disco d’oro alla prima settimana) dove, nella classifica dei singoli, Livin’ In A World Without You era già alla numero uno da settimane.

Ad ottobre il gruppo, assieme ai Von Hertzen Brothers e Mariko (entrambi prodotti dalla Dynasty Recordings) ha suonato un mini tour finlandese di 7 date, rinominato “Dynasty tour 2008″.

A dicembre è stato rilasciato il video del secondo singolo estratto dall’album, Justify (l’uscita del singolo era prevista per gennaio/febbraio 2009), ed è uscito anche il film finlandese “Blackout” di cui Lauri ha composto la colonna sonora e più canzoni del gruppo possono essere ascoltate nel film.

Il tour europeo,
il Monsters Of Rock e la nuova raccolta

Il 2009 si è aperto con il tour europeo che è iniziato a fine gennaio a Stoccolma e ha toccato quasi tutti gli stati europei riscuotendo un’enorme successo, Italia compresa dove hanno suonato due date a Nonantola (Modena) e Milano e dove alcuni fortunati fan hanno avuto modo di incontrare il gruppo grazie ai meet&greet organizzati da questo sito.

Il tour, eccetto una piccola pausa a marzo, è proseguito fino a maggio, toccando in aprile anche alcune città in Sud America, dove purtroppo, a causa del propagarsi della nota influenza suina, il management del gruppo è stato costretto a cancellare alcune date.
Il tour è poi ricominciato a metà giugno in un’occasione davvero unica: i The Rasmus infatti, sono stati inclusi nella line-up del Monsters Of Rock, un festival rock che quest anno si è svolto in Russia e, oltre ai The Rasmus, comprendeva anche artisti del calibro di Scorpions ed Alice Cooper, e gli esordienti Kingdom Come. Questo festival ha preso parte dal 14 al 28 giugno per un totale di 7 date (una data è stata cancellata), ed è stato un autentico successo, culminato nell’ultima data che si è svolta a Mosca con la presenza sul palco di Lauri ed Eero, assieme ad Alice Cooper, per l’ultima canzone in scaletta degli Scorpions.
In seguito il tour è proseguito con qualche festival estivo europeo a luglio.

Nel frattempo Eero gira il video per Your Forgiveness, pubblicato poi a fine anno come “regalo natalizio” per i fan, mentre solamente per il mercato radiofonico finlandese è stato rilasciato il singolo di Ghost Of Love.
Durante la promozione radiofonica di questa canzone, Aki ha rivelato che questo autunno, per l’anniversario dei 15 anni di attività del gruppo, verrà rilasciata una raccolta del gruppo, che includerà l’attesissimo duetto con Anette Olzon, il cui video è stato diretto a maggio da Owe Lingvall (che ha anche diretto il bellissimo video per Justify) e il cui titolo è “October & April”. Sempre per festeggiare l’anniversario di carriera, il gruppo ha organizzato per il 23 novembre un concerto alla scuola superiore Suutarila, nello stesso posto e periodo in cui tutto iniziò 15 anni prima, trasmesso anche in diretta su internet per tutti i fan che non potevano essere presenti alla scuola.

“New World”, il progetto solista di Lauri

A febbraio 2010 durante un’intervista, Lauri annuncia che il gruppo aveva appena iniziato a scrivere del materiale per il nuovo album in completa autonomia poiché il contratto discografico che li legava alla Playground Music Scandinavia era terminato con la raccolta e quindi avevano deciso di non affidarsi più ad una casa discografica esterna ma di autoprodursi.

Durante l’estate i The Rasmus si esibiscono in alcuni festival musicali in Europa e durante un’intervista in Lituania, Aki annuncia che l’uscita del nuovo album – prevista per l’autunno – è posticipata al 2011.

Ma la sorpresa più grande avviene quando il 15 novembre viene annunciato che Lauri pubblicherà un album solista a fine marzo 2011 chiamato “New World” e il primo singolo “Heavy” verrà presentato in anteprima agli Emma Gaala 2011. L’album, completamente autoprodotto e composto, conterrà alcune canzoni scritte dal cantante ma che non si adattavano allo stile dei The Rasmus.

In occasione della promozione del suo album solista, Lauri ha annunciato (a febbraio 2011) che dal prossimo giugno il gruppo si riunirà in Finlandia (dato che Pauli vive a Singapore ed Eero in Italia) per iniziare a lavorare sul loro nuovo album. L’estate passa così tra alcune esibizioni soliste di Lauri ad alcuni festival Finlandesi e le continue conferme della reunion del gruppo per lavorare al nuovo disco.

Il nuovo album – “The Rasmus” – e “I’m a mess”

Ad ottobre 2011 i The Rasmus iniziano le registrazioni del nuovo album, previsto per il prossimo anno, collaborando di nuovo col produttore Martin Hansen che aveva già curato altri album del gruppo.
A fine mese il gruppo ritorna a calcare il palco dopo tanto tempo esibendosi in due concerti in Mexico.

Il nuovo anno si apre con l’annuncio che il primo singolo del nuovo album dei The Rasmus si chiamerà “I’m a mess” e verrà suonato in anteprima al premio musicale finlandese Uuden Musiikin Kilpailu che si terrà a Helsinki il 25 febbraio e che verrà trasmesso in diretta su internet.

Sempre a gennaio il gruppo annuncia alcune date in Europa a maggio, mentre a febbraio annuncia che il nuovo album si chiamerà semplicemente “The Rasmus” poiché il gruppo è stato coinvolto al 100% artisticamente e finanziariamente nella sua realizzazione (in quanto completamente autoprodotto); in Finlandia l’album verrà pubblicato il 18 aprile sotto l’etichetta della Universal Music Finland e in questa occasione viene annunciato anche un tour nel paese natio per l’autunno.

 
© The Rasmus Hellofasite

The Rasmus Hellofasite Fan Club

Entra anche tu a far parte del The Rasmus Hellofasite Fan Club, il fan club italiano dei The Rasmus,
nato per sostenere e promuovere il gruppo nel nostro paese e come punto di aggregazione per tutti i fan italiani

Prossimo concerto:

In questo momento non ci sono concerti in programma